www.ittiofauna.org contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org
Webmuseum Reptilia Testudines Cryptodira Dermochelidae Dermochelys

La tartaruga liuto o luth, Dermochelys coriacea (Vandelli, 1761)


Descrizione - La dermochelide coriacea o luth, denominata anche tartaruga liuto è la più grande tartaruga vivente. Gli adulti possono i 180 cm o più di lunghezza del carapace, ma solo 6 cm nei neonati. L'apertura delle pinne raggiunge i 2.70 metri. Il peso degli adulti può superare i 350 kg e si dice possa raggiungere i 500 kg. La dermochelide ha carapace cordiforme ed appiattito, coperto da pelle robusta priva di piastre cornee ma rinforzata da placchette osse disposte a mosaico, con 5-7 carene molto prominenti; le carene talvolta sono nodose. Il capo è grosso e la coda è corta; le lunghissime zampe non possono retrarsi entro la corazza. Il colore della pelle è nero o marrone scuro con "lentiggini" chiare. Mascella con due uncini posti frontalmente.

  Click on the image to magnify and for the informations.  
 Click sull'immagine per ingrandire e per le informazioni.

Habitat e abitudini - Spesso si vede in acque molto profonde. Talvolta tiene la testa e il collo fuori dall'acqua e può essere scambiata per un qualsiasi altro animale, tranne che per una tartaruga.

Alimentazione Carnivora, si ciba principalmente di salpe e meduse ma può predare altri animali.

Riproduzione - Si tratta di una testuggine molto feconda: in una femmina catturata sulla costa del Tennasserim, vennero trovate più di mille uova. Questa strategia riproduttiva serve a compensare l'elevata mortalità nei giovani, predati da numerose specie di pesci ed uccelli marini.

Accrescimento -

Predatori, parassiti e malattie - .

   Click on the image to magnify and for the informations.   
Click sull'immagine per ingrandire e per le informazioni.

Status della specie - .

Protezione - .

Galleria Fotografica

La più bella raccolta d'immagini sull'erpetofauna europea

Webmuseum Reptilia Testudines Cryptodira Dermochelidae Dermochelys
www.ittiofauna.org
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org