www.ittiofauna.org contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org
Le Faune Webmuseum Amphibia Anura

I Ranidi o rane (Ranidae) Rafinesque, 1814

Ranaridia Rafinesque, 1814, Specchio Sci., 2, 2: 102. Genere tipo: Ranaridia Rafinesque, 1814 (= emendamento non giustificato di Rana Linnaeus, 1758).

Ranarinia Rafinesque, 1815, Analyse Nat.: 78.
Ranae Goldfuss, 1820, Handb. Zool.: 131. Leunis, 1844, Synops. Drei Naturr., Zool., Ed. 1: 145.
Ranadae Gray, 1825, Ann. Philos., Ser. 2, 10: 213.
Ranina Gray, 1825, Ann. Philos., Ser. 2, 10: 214. Bonaparte, 1838, Iconograph. Fauna Ital., 2(Fasc. 22): 117; Bonaparte, 1838, Nuovi Ann. Sci. Nat., Bologna, 1: 393; Bonaparte, 1840, Mem. Accad. Sci. Torino, Ser. 2, 2: 394; Bonaparte, 1840, Nuovi Ann. Sci. Nat., Bologna, 4: 109; Günther, 1858, Arch. Naturgesch., 24: 319; Günther, 1859, Ann. Mag. Nat. Hist., Ser. 3, 3: 61- 74.
Ranoidea Fitzinger, 1826, Neue Class. Rept.: 37. Famiglia esplicita; Laurent, 1967, Acta Zool. Lilloana, 22: 208; Lynch, 1973, in Vial (ed.), Evol. Biol. Anurans: 162; Duellman, 1975, Occas. Pap. Mus. Nat. Hist. Univ. Kansas, 42: 5.
Ranidae Boie, 1828, Isis von Oken, 21: 363. Bonaparte, 1832, Saggio Dist. Metod. Animal. Vert.: 10; Bonaparte, 1838, Nuovi Ann. Sci. Nat., Bologna, 1: 392; Bonaparte, 1840, Nuovi Ann. Sci. Nat., Bologna, 4: 100; Günther, 1859, Ann. Mag. Nat. Hist., Ser. 3, 3: 61- 74.
Ranaria Hemprich, 1829, Grundniss Naturgesch. Höhere Lehr., Ed. 2: xix.
Raniadae Smith, 1831, S. Afr. Q. J., 5: 18.
Ranina Bonaparte, 1832, Saggio Dist. Metod. Animal. Vert.: 10. Bonaparte, 1840, Mem. Accad. Sci. Torino, Ser. 2, 2: 394; Gravenhorst, 1845, Das Thierreich: 43.
Ranae Tschudi, 1838, Classif. Batr.: 25.
Ranidae Bonaparte, 1840, Mem. Accad. Sci. Torino, Ser. 2, 2: 394. Bonaparte, 1840, Nuovi Ann. Sci. Nat., Bologna, 4: 109.
Raniformes Duméril and Bibron, 1841, Erp. Gen., 8: 491. Famiglia esplicita.
Limnodytae Fitzinger, 1843, Syst. Rept.: 31. Genere tipo: Limnodytes Duméril and Bibron, 1841.
Ranini Bronn, 1849, Handb. Geschich. Natur, 5: 684. Dubois, 1987 "1986", Alytes, 5: 35.
Raninae Bronn, 1849, Handb. Geschich. Natur, 5: 684.
Ranidae Bonaparte, 1850, Conspect. Syst. Herpetol. Amph.: 1 p.
Ranoides Bruch, 1862, Würzb. Naturwiss. Z., 3: 221.
Ranoidea Wied-Neuwied, 1865, Nova Acta Phys. Med. Acad. Caesar Leopold Carol., Halle, 32: 105.
Ranida Haeckel, 1866, Gen. Morphol. Organ., 2: 132.
Ranidi Acloque, 1900, Fauna de France, 1: 489.
Ranoidea Laurent, 1967, Acta Zool. Lilloana, 22: 208.
Limnodytini Dubois, 1981, Monit. Zool. Ital., N.S., Suppl., 15: 231.
Amolopsinae Yang, 1991, Amph. Fauna of Yunnan: 172. Genere tipo: Amolops Cope, 1865.
Ranoidae Dubois, 1992, Bull. Mens. Soc. Linn. Lyon, 61: 309. Epifamily.
Amolopinae Zhang & Wen, 2000, Amph. Guangxi: 69. Compitazione susseguente errata.
Ranoidia Dubois, 2005, Alytes, 23: 9. Epifamiglia.
Stauroini Dubois, 2005, Alytes, 23: 17. Genere tipo: Staurois Cope, 1865.
Amolopini Scott, 2005, Cladistics, 21: 527.

  Famiglia Genere Specie
Ranidae Lithobates

Lithobates catesbeianus.

Pelophylax

Pelophylax bedriagae, Pelophylax bergeri, Pelophylax cerigensis, Pelophylax cretensis, Pelophylax epeiroticus, Pelophylax kl esculentus, Pelophylax kl grafi, Pelophylax hispanicus, Pelophylax kurtmuelleri, Pelophylax lessonae, Pelophylax perezi, Pelophylax ridibundus, Pelophylax shqipericus.

Rana

Rana arvalis,  Rana dalmatina, Rana graeca, Rana iberica, Rana italica, Rana latastei, Rana pyrenaica, Rana temporaria.


I Ranidi, o rane propriamente dette, comprendono Anuri caratterizzati da denti assenti dalla mascella inferiore, vertebre sacrali con apofisi traverse non dilatate e di forma cilindrica, assenza di falangi intercalari cartilaginee nelle dita. Quasi tutte le specie presentano metamorfosi acquatica, sebbene vari tipi di sviluppo diretto si siano evoluti in alcuni gruppi. tutte le specie hanno lingua estroflettibile fissata anteriormente nella cavità boccale, pelle liscia. pupille orizzontali e zampe posteriori palmate, specializzate per il salto.

Le specie di questa famiglia hanno dimensioni estremamente diversificate, variano da meno di 50 mm a 300 mm in Conraua goliath, la rana più grande conosciuta. Anche il genere di vita ed il tipo di habitat sono molto differenziati, esistono rane specializzate per sopravvivere in zone a clima secco, altre diffuse nelle foreste tropicali, altre che vivono nelle zone temperate. Alcune specie si sono adattate a vivere in aree desertiche, limitandosi a restare attive soltanto per un breve periodo in corrispondenza delle rare precipitazioni. Altre riescono a sopravvivere in climi estremamente rigidi attraverso un adattamento del siero sanguigno che consente all'animale di restare ibernato nel ghiaccio. Allo stadio adulto, tutte le rane sono carnivore e si alimentano principalmente di invertebrati. Le specie più grandi predano anche altri vertebrati, come anfibi, rettili, piccoli uccelli e mammiferi.

La famiglia ha distribuzione cosmopolita, è assente dalle zone artiche ed antartiche, Groenlandia, Nuova Zelanda e nelle regioni dell'estremo sud dell’America meridionale. Manca anche nelle indie occidentali ed è presente solo in poche isole dell'Oceano Pacifico. Sono assenti da deserti eccessivamente aridi e mancano alle quote più elevate. I Ranidi comprendono circa 315 specie, suddivise in in 17 generi. In Europa sono presenti 3 generi con circa 20 specie.


Le Faune Webmuseum Amphibia Anura      
www.ittiofauna.org
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org