www.ittiofauna.org   contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org
Le Faune Webmuseum Amphibia Anura

I Pipidi (Pipidae) Gray, 1825

Piprina Gray, 1825, Ann. Philos., Ser. 2, 10: 214. Genere tipo: "Pipra Laurent" (= Pipa Laurenti, 1768).

Pipoidea Fitzinger, 1826, Neue Class. Rept.: 37. Famiglia esplicita; Laurent, 1967, Acta Zool. Lilloana, 22: 207; Lynch, 1973, in Vial (ed.), Evol. Biol. Anurans: 162; Duellman, 1975, Occas. Pap. Mus. Nat. Hist. Univ. Kansas, 42: 5; Laurent, 1980 "1979", Bull. Soc. Zool. France, 104: 417.
Pipina Gray, 1829, Isis von Oken, 22: 203. Bonaparte, 1832, Saggio Dist. Metod. Animal. Vert.: 10; Bonaparte, 1838, Nuovi Ann. Sci. Nat., Bologna, 1: 393; Bonaparte, 1840, Nuovi Ann. Sci. Nat., Bologna, 4: 100.
Piparia Hemprich, 1829, Grundniss Naturgesch. Höhere Lehr., Ed. 2: xix.
Aglossa Wagler, 1830, Nat. Syst. Amph.: 131. Non disponibile, nome creato come famiglia per Pipa.
Aglossa Wiegmann, 1832, in Wiegmann & Ruthe (eds.), Handbuch der Zool., Amph.: 200. Famiglia for Pipa e Xenopus.
Pipae Tschudi, 1838, Classif. Batr.: 26.
Dactylethridae Hogg, 1838, Ann. Nat. Hist., 1: 152. Genere tipo: Dactylethra Cuvier, 1829.
Astrodactylidae Hogg, 1839, Mag. Nat. Hist., N.S., 3: 152. Genere tipo: Astrodactylus Hogg, 1838 (= Asterodactylus Wagler, 1827). In sinonimia con Pipidae di Boulenger, 1882, Cat. Batr. Sal. Coll. Brit. Mus., Ed. 2: 458.
Pipidae Swainson, 1839, Nat. Hist. Fishes Amph. Rept., 2: 88.
Pipina Bonaparte, 1840, Mem. Accad. Sci. Torino, Ser. 2, 2: 394.
Pipaeformes Duméril & Bibron, 1841, Erp. Gen., 8: 761. Famiglia esplicita.
Pipridae Anonymous [l'autore presunto è John Edward Gray], 1842, Synops. Contents Brit. Mus., Ed. 44: 112.
Xenopoda Fitzinger, 1843, Syst. Rept.: 33. Genere tipo: Xenopus Wagler, 1827.
Dactylethrina Bonaparte, 1850, Conspect. Syst. Herpetol. Amph.: 1 p.
Pipadae Hallowell, 1858 "1857", Proc. Acad. Nat. Sci. Philadelphia, 9: 65.
Dactylethridae Günther, 1859 "1858", Cat. Batr. Sal. Coll. Brit. Mus.: xvii.
Aglossa Leunis, 1860, Synops. Drei Naturr., Zool., Ed. 2: 335. Non disponibile, taxon non determinato per Pipa e Xenopus.
Xenopodes Fitzinger, 1861 "1860", Sitzungsber. Akad. Wiss. Wien, Phys. Math. Naturwiss. Kl., 42: 416.
Pipoides Bruch, 1862, Würzb. Naturwiss. Z., 3: 221.
Astrodactylae Duméril, 1863, Mem. Soc. Imp. Sci. Nat. Cherbourg, 9: 300.
Dactyletridae Hoffmann, 1878, in Bronn (ed.), Die Klassen und Ordnungen des Thier-Reichs, 6(2): 598. Compitazione susseguente errata.
Dactylethrae Peters, 1882, Naturwiss. Reise Mossambique, Zool. 3: 179.
Dactylethrida Knauer, 1883, Naturgesch. Lurche: 103.
Pipida Knauer, 1883, Naturgesch. Lurche: 103.
Xenopidae Cope, 1889, Bull. U.S. Natl. Mus., 34: 248.
Aglossidae Sollas, 1906, Zool. Rec., 42: 37.
Xenopodidae Bolkay, 1919, Glasn. Zemaljskog Muz. Bosni Hercegov., 31: 348.
Hymenochiridae Bolkay, 1919, Glasn. Zemaljskog Muz. Bosni Hercegov., 31: 348. Genere tipo: Hymenochirus Boulenger, 1896.
Pipidae Bolkay, 1919, Glasn. Zemaljskog Muz. Bosni Hercegov., 31: 348.
Pipinae Metcalf, 1923, Bull. U.S. Natl. Mus., 120: 391.
Dactylethrinae Metcalf, 1923, Bull. U.S. Natl. Mus., 120: 391.
Xenopodinae Metcalf, 1923, Bull. U.S. Natl. Mus., 120: 391.
Xenopinae Noble, 1931, Biol. Amph.: 489. Van Dijk, 1966, Ann. Natal Mus., 18: 248.
Siluraninae Cannatella & Trueb, 1988, Zool. J. Linn. Soc., 94: 32. Genere tipo: Silurana Gray, 1864.
Pipinomorpha Báez & Pugener, 2003, Zool. J. Linn. Soc., 139: 454. Non disponibile, taxon non determinato creato per un gruppo di famiglie che include gli Eoxenopoides (fossili) e i Pipinae.
Xenopodinomorpha Báez & Pugener, 2003, Zool. J. Linn. Soc., 139: 454. Non disponibile, taxon non determinato creato per un gruppo di famiglie che include vari taxa fossili e gli Xenopodinae (= Dactylethrinae).
Pipoidia Dubois, 2005, Alytes, 23: 8. Epifamiglia.
Pipoidea Dubois, 2005, Alytes, 23: 8. Superfamiglia.

  Famiglia Genere Specie
Pipidae Xenopus

Xenopus laevis.


I Pipidi sono anuri acquatici altamente specializzati, raramente si spostano sul terreno. Nelle specie di questo gruppo si osservano vari adattamenti alla vita acquatica, come la perdita della lingua, struttura inutile per ricercare il cibo sommerso, e la presenza dell'organo della linea laterale, usato per rilevare onde di pressione. Le femmine del genere Pipa ospitano le proprie uova in cellette che si formano nello spessore della pelle del dorso, strutture dove i girini si trattengono durante tutte le fasi di sviluppo, emergendo solo a metamorfosi ultimata. In altre specie le uova vengono ospitate solo fino alla schiusa delle larve. Il gruppo presenta una vasta gamma di morfologie larvali e di caratteristiche ecologiche. I girini (quando presenti) mancano di becco e dentini e presentano una coppia di spiracoli. Le larve di Xenopus e Silurana sono filtratori estremamente efficienti, mentre quelle di Hymenochirus sono carnivore e predano anche animali relativamente grandi. In alcune specie del genere Pipa, dalle uova emergono piccoli completamente sviluppati.

La famiglia Pipidae comprende anuri caratterizzati dall'assenza di lingua, corpo molto compresso in senso dorso ventrale, arti posteriori con membrane natatorie molto sviluppate, occhi piccoli situati in posizione e presenza di vestigia del sistema della linea laterale. Septomascelle allungate. Denti non pedicellati in Xenopus e Pipa, altri generi privi di denti o con un numero molto ridotto. Assenza di quadratogiugale e coccige di solito fuso con un osso sacro corto e robusto. Epipube presente. Larve con costole libere e fornite di una coppia di barbigli anteriori (assenti nel genere Hymenochirus), che le rendono simili a piccoli pesci gatto. Maschi privi di corde vocali, capaci di emettere dei sonori "click" tramite una modifica della laringe.

La famiglia comprende 5 generi e più di 30 specie, diffuse in quasi tutte le acque di Africa e sud America. Due specie del genere Xenopus vengono comunemente utilizzate come animali da laboratorio e una di esse (Xenopus laevis) è stata introdotta, accidentalmente o meno, in alcune zone di Francia ed Inghilterra.


Le Faune Webmuseum Amphibia Anura      
www.ittiofauna.org
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org