www.ittiofauna.org contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org
Le Faune Webmuseum Amphibia Anura Hylidae

Il genere Hyla Laurenti, 1768

Hyla Laurenti, 1768, Spec. Med. Exhib. Synops. Rept.: 32. Specie tipo: Hyla viridis Laurenti, 1768 (= Rana arborea Linnaeus, 1758), per susseguente designazione di Stejneger, 1907, Bull. U.S. Natl. Mus., 58: 75.

Sinonimi - Calamita Schneider, 1799, Hist. Amph. Nat.: 151. Specie tipo: Rana arborea Linnaeus, 1758, per susseguente designazione di Stejneger, 1907, Bull. U.S. Natl. Mus., 58: 75. Sinonimia di Daudin, 1802 "An. XI", Hist. Nat. Rain. Gren. Crap., Quarto: 14; Merrem, 1820, Tent. Syst. Amph.: 169; Gray, 1825, Ann. Philos., Ser. 2, 10: 213; Duméril & Bibron, 1841, Erp. Gen., 8: 542; Schreiber, 1875, Herpetol. Eur.: 105.
Hylaria Rafinesque, 1814, Specchio Sci., 2, 2: 103. Sostituzione di nome per Hyla.
Hyas Wagler, 1830, Nat. Syst. Amph.: 201. Specie tipo: Rana arborea Linnaeus, 1758, per monotipia. Omonimo primario di Hyas Leach, 1815 = Crustacea. Sinonimia di Wiegmann, 1832, in Wiegmann & Ruthe (eds.), Handbuch der Zool., Amph.: 201; Duméril & Bibron, 1841, Erp. Gen., 8: 542; Schreiber, 1875, Herpetol. Eur.: 105; Boulenger, 1882, Cat. Batr. Sal. Coll. Brit. Mus., Ed. 2: 337.
Dendrohyas Wagler, 1830, Nat. Syst. Amph.: 349. Sostituzione di nome per Hyas Wagler, 1830. Ssinonimia con Hyla di Bonaparte, 1840, Mem. Accad. Sci. Torino, Ser. 2, 2: 404; Duméril & Bibron, 1841, Erp. Gen., 8: 542.
Dryophytes Fitzinger, 1843, Syst. Rept.: 31. Specie tipo: Hyla versicolor LeConte, 1825, dalla designazione originaria. Sinonimia di Boulenger, 1882, Cat. Batr. Sal. Coll. Brit. Mus., Ed. 2: 373.
Epedaphus Cope, 1885 "1884", Proc. Am. Philos. Soc., 22: 383. Specie tipo: Hyla gratiosa LeConte, 1856, per monotipia. Sinonimia di Kellogg, 1932, Bull. U.S. Natl. Mus., 160: 149.

  Genere Specie  
Hyla

Hyla arborea

Hyla intermedia

Hyla meridionalis

Hyla sarda

Il genere comprende Ilidi specializzati per la vita arboricola. Sono piccole rane a pelle liscia, con pupille orizzontali e zampe lunghe. Tutte le specie sono provviste di  falangi terminanti a forma di clava e di dischi adesivi sulla punta delle dita. Solitamente si osservano su alberi o altra vegetazione e solo raramente scendono a terra. Si nutrono principalmente di insetti volanti che catturano con grande abilità. La riproduzione si svolge durante le ore notturne in specchi d'acqua. Durante il periodo di frega, i maschi sviluppano piccoli cuscinetti nuziali sui pollici. L'amplesso è di tipo pettorale. Le uova vengono deposte in gruppi galleggianti, grandi circa quanto una noce e contenenti da 800 a 1000 uova. I girini tendono a essere solitari e sono tipicamente provvisti di pinna caudale prolungata in avanti sul dorso. Le specie europee sono molto simili, oltre che a livello genetico, differiscono in modo evidente nel richiamo, nella colorazione del disegno caratteristico e nella forma del sacco vocale.

Il gruppo è formato da circa 33 specie diffuse in Europa centrale e meridionale, nel nord ovest dell'Africa, Asia orientale e nord America.


Le Faune Webmuseum Amphibia Anura Hylidae    
www.ittiofauna.org
Google
 
contact: stefano.porcellotti@ittiofauna.org